consigli della Jam Letteraria: Il Candido

Un nuovo appuntamento con i consigli della Jam Letteraria. In collaborazione con CliccaLivorno.it

Il Candido – Francois Voltaire

Recensione di Gabriel Voynich

candido cliccalivornoPer quanto Il Candido, annoverato tra i grandi classici, sia stato molto più che recensito e ancor più sviscerato in ogni singola particella per il suo valore storico, esso rimane un’eccezione tra le eccezioni; per questa ed altre ragioni il nostro consiglio settimanale ricade sul Candido.
Voltaire è un personaggio che non ha bisogno di presentazioni. Illustre protagonista del movimento illuministico, scrisse innumerevoli saggi e trattati (tra i più noti, il Trattato sulla tolleranza) e furono pubblicate postume alcune sue raccolte epistolari. Fu inoltre al centro di aspre disquisizioni, talvolta teologiche e talvolta politiche, in quanto intellettuale considerato pericoloso. Per un certo periodo, fu addirittura dichiarato discolo.

Dell’ironia a tratti sarcastica egli fa utilizzo e arma scrivendo il suo unico romanzo, il Candido, nel quale racchiude la sua visione dell’ottimismo e del mondo.
Candido è un giovane servitore presso una magione di facoltosi, e come nelle più sconce storie dell’epoca finisce per innamorarsi, pure carnalmente, della figlia dei padroni: la bella Cunegonda. La loro relazione si interromperà bruscamente con l’arrivo dell’esercito bulgaro che, dopo aver messo a fuoco la villa, costringerà alla fuga Candido, convinto ormai dello stupro e della conseguente morte dell’amata Cunegonda. Assieme al precettore della giovane, il filosofo Pangloss, intraprenderà un viaggio pieno d’insidie che lo porterà a scoprire la sopravvivenza dell’amata, ma trovarla si rivelerà tutt’altro che semplice.

Voltaire descrive il giovane e ingenuo Candido attraverso innumerevoli e disastrose esperienze, le quali non gli faranno mai perdere la speranza e getteranno una continua luce di ottimismo in una storia cosparsa altrimenti di orrori e ingiustizie. Non è un caso, quindi, che al titolo sia stata aggiunta come postilla – ovvero l’ottimismo – come se questo potesse ammonire il lettore prima ancora di aprirne la copertina e procedere alla lettura. Si tratta dunque di un libro aperto a molteplici congetture ed interpretazioni, ma di certo aperto ad un vasto pubblico desideroso di una lettura alternativa.

 

Consiglio Il Candido a: per uno svago leggero ed intrigante, che tuttavia possa indurre ad ampie riflessioni.

Citazione: “Che cos’è l’ottimismo” diceva Cacambo – “Ahime!” disse Candido “è la smania di sostenere che si tutto va bene quando si sta male”.

 

Pagina Facebook della Jam Letteraria

Il sito web della Jam Letteraria

Le altre recensioni della Jam Letteraria su CliccaLivorno

Potrebbero interessarti anche...