“Buon Compleanno, Modigliani” al Cafè Pitì

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 12/07/2016
8:45 pm - 10:00 pm

Luogo
Cafè Pitì

Categorie


Cafè Pitì SUMMER2016
lounge bar, live music, cultura

Martedì 12 luglio, ore 20,45
BUON COMPLEANNO, MODIGLIANI!
Approfondimenti, reading e altro
A cura di Luca Dal Canto;
intervento di Umberto Falchini; letture di Simone Fulciniti

Modigliani CliccaLivorno

Ricorderemo Amedeo Modigliani nel giorno del suo 132° compleanno (12 luglio 1884), parlando della sua arte, della sua vita e dei suoi luoghi. Il tutto attraverso letture di emozionanti testimonianze degli amici più cari, di poesie e proiezioni di opere e fotografie che, da sole, raccontano un’epoca magica: quella della Parigi d’inizio Novecento.

Un’ora d’interventi che riassumeranno l’affascinante figura di uno dei più grandi artisti del Novecento che trasformò il suo sogno e la sua caparbietà in uno stile unico e inconfondibile.

E lo faremo con Luca Dal Canto, regista, videomaker e fotografo, che ha curato l’evento, con Umberto Falchini, artista e critico d’arte, e con l’attore e regista Simone Fulciniti, che leggerà alcune lettere e poesie di Amedeo Modigliani. Coordina l’incontro Veronica Papi, direttrice artistica del Cafè Pitì Summers2016
Quello su Modigliani è il secondo appuntamento con i libri…ed altro, che le Edizioni Erasmo e Del Boccale propongono i martedì di luglio e agosto all’Hotel Universal, viale di Antignano 4, nell’ambito del Cafè Pitì SUMMER2016 lounge bar, live music, cultura, a cura di Ps Management & Consulting di Veronica Papi in collaborazione con l’Hotel Universal, le Edizioni Erasmo, l’Orizzonte ristorante, Radio Stop.

Sul grande artista livornese le Edizioni Erasmo hanno pubblicato nel 2014 il libro di Luca Dal Canto “I luoghi di Modigliani. Tra Livorno e Parigi”, un viaggio fotografico sugli itinerari modiglianeschi a Livorno e Parigi, e ‘Modigliani, il monologo’ di Michele Crestacci, attore, e di Alessandro Brucioni, regista del lavoro teatrale omonimo: un racconto tragicomico della storia e delle passioni di Modigliani e del suo rapporto con Livorno, la sua città natale…una irriverente, stralunata e comica spola tra Livorno e Parigi.

Luca Dal Canto è regista, videomaker e fotografo. Il suo cortometraggio Due giorni d’estate (2014) è stato selezionato fuori concorso al 67° Festival di Cannes, mentre il precedente Il cappotto di lana (2012) è stato uno dei film brevi italiani più premiati nel 2013. È autore del libro, e catalogo della mostra omonima, “I luoghi di Modigliani. Tra Livorno e Parigi” (Edizioni Erasmo), un viaggio fotografico sugli itinerari modiglianeschi a Livorno e Parigi per indagare, da un lato, come – e quanto – quei luoghi siano mutati in circa un secolo di cambiamenti sociali, urbanistici e culturali; dall’altro per ripercorrere, proprio attraverso gli scorci offerti dalle due città, la vicenda artistica e umana di Modigliani.
Umberto Falchini è nato a Livorno nel 1953, ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Firenze; da alcuni anni vive e lavora a Rosignano Solvay. Nel 1983, nella sua città natale, esce la sua prima mostra personale con il tema dei “sedianti” presentato dal prof. Michele Feo. Un anno dopo è a Milano, presentato dal critico Nicola Micieli. Ne sono seguite altre personali e collettive in varie città italiane.
Nel 1987 è chiamato a illustrare un volume su scritti inediti petrarcheschi scoperti dal prof. Feo a Gotha in Germania. Nel 1993 il critico Pier Carlo Santini visiona alcune incisioni ad acquaforte e puntasecca, decidendo di inserirle nella 3° Biennale nazionale d’incisione “A. Martini” di Oderzo.
Nel periodo che va dal 1993 al 1995 partecipa ad un ampio programma espositivo, ideato dallo scrittore fiorentino Marcello Vannucci e realizzato nella Galleria “Palazzo Vecchio 2″ in Firenze.
Nel 1997 il critico piemontese Aldo Spinardi ne cura la mostra personale alla Galleria S.Pietro di Asti. Nel 2000 entra nel movimento pittorico “Arte Sentimentale”, presentato a Firenze in Palazzo Vecchio dal prof. Tommaso Paloscia e dal giornalista Alberto Severi, esponendo in tutte le mostre dove il movimento sarà presente con le proprie opere.
Simone Fulciniti è un attore livornese. Oltre all’ormai ventennale militanza nel teatro di prosa e vernacolare, ha partecipato a spettacoli diretti da Giorgio Albertazzi e Giuseppe Patroni Griffi. In TV ha avuto ruoli in numerose fiction, tra cui: “Distretto di polizia”, “Ris”, “Vivere”, Il Capitano”, “Le ragazze di San Frediano”, “Butta la luna” e altri.
Per il cinema ha preso parte, tra gli altri, ai film “Non c’è più niente da fare”, “13dici a tavola”, “Amici miei come tutto ebbe inizio” e “Sono nata viaggiando”. Per Erasmo sono state pubblicati i testi di due sue commedie teatrale: “Chi è Gagarinne?” e “Ciakke si gira!”.

Potrebbero interessarti anche...