Lezioni di cinema: continua il ciclo di corsi, parlando stavolta di “Gianni Amelio: i Sud del mondo”

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 08/04/2017
5:30 pm

Luogo
Museo di Storia Naturale del Mediterraneo

Categorie


Continua il ciclo di corsi “Lezioni di cinema”. In questo incontro Massimo Tria tratterà “Gianni Amelio: i Sud del mondo”.

Gianni Amelio - i Sud del mondo CliccaLivorno

8/4/2017, dalle ore 17:30
Auditorium del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo, via Roma 234,
57127 Livorno

Gianni Amelio: i “Sud” del mondo
A cura di Massimo Tria

50&Più Università di Livorno, in collaborazione con la Provincia di Livorno, Edizioni Erasmo Livorno, Centro Studi Commedia all’Italiana di Castiglioncello.

Prosegue all’auditorium del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di via Roma, 234, il Corso “Lezioni di Cinema”, un progetto realizzato da 50&Più Università di Livorno in collaborazione con la Provincia di Livorno, Edizioni Erasmo Livorno, Centro Studi Commedia all’Italiana di Castiglioncello.

Sabato 8 aprile, alle ore 17.30, Massimo Tria racconta “Gianni Amelio: i Sud del mondo”.

Gianni Amelio

Regista italiano, Gianni Amelio è un cineasta con diverse attitudini, molto espresse quelle dell’autobiografia, della condanna della condizione umana e della ricerca della moralità, attraverso un critico percorso d’osservazione della realtà. Gianni Amelio nasce il 20 gennaio del 1945 a San Pietro Magisano in provincia di Catanzaro. Poco dopo la sua nascita suo padre si trasferisce in Argentina per cercare il proprio padre, del quale la famiglia non ha più notizie da tanto tempo. È la nonna che lo accudisce e si occupa della sua formazione. Fin da giovane è in lui forte la passione per il cinema; frequenta il Centro Sperimentale e si laurea in Filosofia all’Università di Messina.

Già da ragazzo negli anni Sessanta inizia a lavorare come aiuto regista per la televisione e sarà infatti per il piccolo schermo che realizzerà le sue prime opere, accumulando quell’esperienza che gli permetterà in seguito di operare sul grande schermo, conquistandosi la stima della critica internazionale. L’ambiente proletario in cui è cresciuto incide fortemente sulla sua crescita intellettuale ed è sempre presente nei suoi film. Inizialmente collabora con Vittorio De Seta e Gianni Puccini. Tra i suoi film: I ragazzi di via Panisperna; Porte aperte; il ladro di bambini; Lamerica; L’intrepido.

 

Massimo Tria, insegnante e critico cinematografico, docente di slavistica all’università di Cagliari, è membro della commissione di selezione della “Settimana Internazionale della Critica” al Festival del Cinema di Venezia e redattore della rivista “Cabiria – Studi di cinema”.

L’incontro è aperto a tutti gli appassionati della settima arte.

Per partecipare alle lezioni è previsto il pagamento di un contributo.

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi alla segreteria di 50&Più: Livorno

Via Serristori 15,
Aperta dal lunedì al venerdì  10.00-12.00/16.00-18.00
Tel: 0586 881128
Email: livornouniversita@gmail.com

 

 

Potrebbero interessarti anche...