Istituto “Giancarlo Vallauri” – Collaborazione tra il C.S.S.N. e il C.N.I.T.

L’anno 2014, del mese di Marzo il giorno 31, si è proceduto alla stipula del presente accordo fra:

  • il C.S.S.N. in persona dell’Ammiraglio Ispettore Claudio MORELLATO nella sua qualità di Direttore pro-tempore;
  • il C.N.I.T., rappresentato dal Prof. Ing. Gianni Vernazza, in qualità di Direttore, legale rappresentante che dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell’interesse esclusivi dello stesso consorzio;

d’ora innanzi anche, congiuntamente definite le “Parti” e, singolarmente la “Parte”.

Con il foglio M_D MSTAT 0013860 in data 6 Marzo 2014, Maristat UPPF autorizzava il C.S.S.N. a procedere alla stipula del presente accordo. Lo studio di problematiche a carattere tecnico-scientifico-logistico inerenti campi di interesse della Difesa rientra tra i compiti di istituto del C.S.S.N..

Il C.S.S.N. ha la necessità di aggiornare e approfondire le tematiche istituzionali a carattere tecnicoscientifico-logistico, nonché di avvalersi di competenze universitarie per lo sviluppo di particolari attività in settori di interesse della Marina Militare (M.M.).

Il C.S.S.N., con le proprie strutture, svolge attività nel settore tecnico-scientifico e tecnico-logistico, nella sperimentazione, nella valutazione di studi e progetti di nuovi sistemi per la Marina Militare anche in collaborazione con altri Enti della Difesa nonché con Istituti Universitari, con Centri di Ricerca, con Industrie e con Enti/Organizzazioni esterne alla Difesa.

L’Istituto per le Telecomunicazioni e l’Elettronica “Giancarlo Vallauri”, reparto del C.S.S.N. (C.S.S.N. ITE), così come stabilito ex art. 130 del Decreto Legislativo nr. 66 del 2010, persegue tra gli obiettivi l’esecuzione di studi, ricerche e sperimentazioni, anche in correlazione con altri enti delle FF.AA., Istituti di ricerca e sviluppo nazionali e stranieri, nonché con le industrie, al fine di contribuire al progresso scientifico e tecnico nella realizzazione delle apparecchiature e dei sistemi che rientrano nel campo delle proprie attività.

Il C.S.S.N. ITE per adempiere ai propri compiti istituzionali utilizza i propri laboratori fissi, situati in Livorno, presso la sede dell’Istituto, e nella sede distaccata di Tirrenia, e i laboratori mobili.

Il C.N.I.T. raggruppa 37 università italiane attive nel settore delle telecomunicazioni e dell’elettromagnetismo applicato e che possiede quindi nelle proprie Unità di Ricerca e Laboratori Nazionali competenze atte a coprire le esigenze di ricerca dei settori di comune interesse delle Parti.

Per adempiere alla propria missione nell’ambito della ricerca sui sensori radar e sui sistemi di sorveglianza, il C.N.I.T. possiede un Laboratorio Nazionale sul Radar e sui Sistemi di Sorveglianza (RaSS), che ha le proprie strutture a Pisa e che si occupa attivamente di Analisi e progettazione di sistemi Radar, Radar Imaging, Radar passivi, Telerilevamento, Sistemi di Telecomunicazioni, Analisi e progettazione di Antenne, Metamateriali, Elettromagnetismo Applicato, attività che svolge anche in collaborazione con Industrie e con Enti/Organizzazioni esterne.

Le parti sono in grado di assicurare, presso i rispettivi siti, la reciproca assistenza tecnico-scientifica per lo svolgimento delle attività di comune interesse nelle tematiche di approfondimento concordate. Il C.S.S.N., in ottemperanza alle direttive dello S.M.M., può contribuire, anche con proprio personale, al contenimento delle spese di ricerca, potenziamento, ammodernamento, manutenzione e supporto relativamente ai mezzi, materiali e strutture in dotazione alle FF.AA. ricorrendo, ove possibile, a contratti di permuta di beni e servizi, con eventuale scambio di materiali e prestazioni, così come stabilito dalle leggi in vigore e dalle relative istruzioni applicative.

Le Parti, alla luce della complementarietà dei compiti assegnati e delle rispettive attività, hanno valutato l’opportunità di una reciproca collaborazione in aree e tematiche di reciproco interesse tecnico-scientifico. Per consentire lo sviluppo e la gestione di attività di studio, ricerca e sperimentazione nel settore dei sistemi radar navali (inclusi i radar per uso costiero), della elaborazione delle immagini e dei segnali radar, della Modellizzazione Elettromagnetica di Bersagli e Scenari e dello Sviluppo di Antenne a bordo nave, le Parti convengono di costituire un “Laboratorio congiunto” presso la sede del C.S.S.N. ITE di Livorno.

Il Laboratorio congiunto sarà intitolato al Prof. “Ugo Tiberio”, pioniere nel campo radar e della radiotecnica, in omaggio alla riconosciuta valenza e ruolo da parte della comunità del C.N.I.T. e del C.S.S.N. ITE e le cui attività saranno svolte presso il C.S.S.N. ITE, luogo, in cui condusse le sue principali sperimentazioni in ambito radaristica, che lo condussero alla realizzazione dei prototipi GUFO e FOLAGA.

Il Laboratorio sarà gestito da un “Direttore di Laboratorio” nominato dal Direttore del C.S.S.N. e sarà scelto tra il personale del C.S.S.N. ITE che abbia i requisiti e le competenze tecniche, preventivamente concordate tra le parti.

Il “Direttore di Laboratorio” dovrà:

  • gestire il funzionamento del Laboratorio;
  • presiedere le riunioni del Comitato Tecnico-Scientifico;
  • promuovere attività finalizzate all’ottenimento di contratti esterni, in accordo con il Coordinatore Scientifico;
  • predisporre entro il mese di Gennaio di ogni anno, in accordo con il Coordinatore Scientifico un programma triennale di attività, da sottoporre al comitato Tecnico-Scientifico per la discussione e l’approvazione;
  • convocare e presiedere almeno una riunione annuale del personale efferente al Laboratorio e dei membri del Comitato tecnico-scientifico, per illustrare e discutere il programma triennale di cui al punto precedente.

Il “Comitato tecnico-scientifico” sarà composto da sei membri che avranno la funzione di sovrintendere e coordinare le attività in essere presso il Laboratorio congiunto, collaborando con i singoli responsabili scientifici dei progetti, allo scopo di favorire il pieno raggiungimento degli obiettivi indicati nei progetti medesimi, e che verranno finanziati sia con i fondi interni (cioè appartenenti alle Parti) che esterni.

Il comitato tecnico-scientifico sarà così composto:

  • due membri nominati dal CSSN ITE;
  • due membri nominati dal CNIT;
  • un membro nominato di comune accordo tra le due Parti scelto fra le persone altamente qualificate del CNIT con funzioni di Coordinatore Scientifico delle attività;
  • il “Direttore di Laboratorio”.

I compiti del Coordinatore Scientifico sono i seguenti:

  • convoca ogni sei mesi, o in base a specifiche necessità, presso la sede del laboratorio congiunto, le riunioni del Comitato tecnico-scientifico per il monitoraggio ordinario delle attività;
  • promuove in accordo con il “Direttore di Laboratorio” attività finalizzate all’ottenimento di contratti esterni;
  • predispone in accordo con il “Direttore di Laboratorio” entro il mese di Gennaio di ogni anno un programma triennale di attività;
  • promuove e coordina la predisposizione della relazione annuale e ne riferisce al “Direttore di Laboratorio” e agli organi di gestione del CNIT.

Le decisioni del comitato tecnico-scientifico saranno tipicamente governate da un processo di voto. In caso di parità, il voto del “Direttore di Laboratorio” assume valore doppio rispetto agli altri votanti.

Attività tra il C.S.S.N. e il C.N.I.T.


[row]

Pubblicato il 21/02/2017

Ideato e realizzato da: Fabio NUTI

Ricerca iconografica e storica: Fabio NUTI, Roberto PALANDRI, Miranda CAVICCHI, Lucio MATTIUSSI, Giuseppe CELESTE

Ringraziamenti: Marco MASETTI, Francesco LA MACCHIA, Maurizio MAGALINI, Giancarlo MISURI, Vincenzo CARULLI

Archivio Storico dell’Istituto “Giancarlo Vallauri”

Archivio Storico della Accademia Navale

[/row]

Potrebbero interessarti anche...