La cultura a Livorno secondo Riccardo Ciorli

L’architetto Riccardo Ciorli scrive su CliccaLivorno i suoi pensieri sulla cultura a Livorno, in questo particolare momento storico-culturale.


La coscienza del vivere la cultura a Livorno

Oggi fare cultura significa occuparsi di un’attività strategica per migliorare la qualità della vita dei cittadini attraverso occasioni d’incontro e di crescita culturale, e per utilizzare al meglio un formidabile strumento di promozione del territorio e di salvaguardia del patrimonio storico-artistico ed ambientale. La ricchezza di un territorio non si misura più solo con indicatori economici, come era in uso ne fino agli anni ’80 ma in molti luoghi si è iniziato a valutare le potenzialità anche attraverso l’offerta culturale e le possibilità di accesso ad essa dei cittadini.

Ecco allora un’offerta culturale varia, a portata di tutte le tasche e soprattutto attenta non soltanto alle tematiche legate alla nostra realtà locale ma anche aperta alle sfide del presente.

Promuovere e realizzare un’offerta culturale stimolante, innovativa, di qualità ma accessibile a tutti, è l’impegno concreto di questa Amministrazione, con particolare attenzione ai giovani attraverso attività a favore delle scuole e delle famiglie, proprio perché la cultura è un piacere da condividere insieme.

Molti spesso qui a Livorno mi dicono che “di cultura non si mangia”, ma niente è più falso in quanto soprattutto in un Paese come l’Italia, tutto il settore culturale, se adeguatamente sostenuto e curato, potrebbe rappresentare il volano di crescita economica e civile che tutti aspettano e invocano.

Un esempio vale per tutti, i migliaia di croceristi che giungono per diversi mesi nel nostro porto ci vengono “scippati” proprio sotto la nave da colonne di torpedoni aventi destinazioni più disparate. Livorno e i livornesi rimangono a guardare senza avere né la possibilità né la voglia di intervenire. Eppure, nonostante lo scempio perpetrato con l’effrenata libertà con cui la città è stata ricostruita nel dopoguerra, volendo potremmo analizzare la situazione attuale delle ricchezze culturali di cui Livorno dispone e chiedere ai nostri cittadini come mai questo tesoro, fatto di piccole e grandi cose non venga sfruttato a dovere e perché, al contrario, lo vediamo ogni giorno più deteriorato, superato e “tagliato”.

Colpa della crisi?

Certamente le difficoltà che  stiamo attraversando dal punto di vista economico e finanziario non aiutano la già precaria situazione del nostro patrimonio culturale. Tuttavia il livornese è spesso troppo abile a scaricare le colpe su qualche accadimento esterno, non controllabile o inevitabile.

È chiaro che numeri alla mano il decadimento culturale della nostra città è soprattutto dovuto all’incuria ad esso riservato da chi ci ha governato che, troppo spesso, snobba la cultura o semplicemente non sa rendersi conto della sua importanza per il nostro sviluppo economico e sociale.

In molte città e paesi, anche più piccoli di Livorno, si è investito in cultura e si è ottenuto più innovazione, più sviluppo, più ricchezza e meno corruzione. Ciò accade o è accaduto in lucchesia, nel senese e nella stessa nostra “accerrima nemica” Pisa.

Per questi motivi, oggi più che mai, è importante dimostrare che “fare cultura in tempi di crisi” si può e che, soprattutto, con la cultura si possono creare nuove opportunità di lavoro e di riscatto per i cittadini.

Dispiace che una città che è stata il balcone sul Mediterraneo della civiltà toscana sia oggi ridotta a un approdo sfruttato e umiliato.


Ringraziamo Riccardo Ciorli per questo intervento sulla cultura a Livorno e vi invitiamo a dire la vostra nei commenti qua sotto.

Potrebbero interessarti anche...