Ma le ‘onosci le cipolle arrosto in agrodolce del Bocca?

Il Bocca Tv, cucina variopinta in vernacolo, oggi vi propone le cipolle arrosto in agrodolce, con lardo e senza… e ti senti una potenza!

Cipolle arrosto in agrodolce

Dosi:4 persone
Difficoltà:bassa
Preparazione: 10m
Cottura: 50m
Costo: economico

Ingredienti per le cipolle arrosto in agrodolce:
– 500gr di cipolline porrettane;
– ½ bicchiere di aceto di vino rosso;
– ½ bicchiere di brodo;
-Lardo;
-Zucchero;
-Peperoncino;
-Sale quanto basta;
-Olio extravergine d’oliva.

Cipolle

Sembra che i bulbi di cipolla siano stati usati come cibo già nell’antichità. Negli insediamenti cananei dell’età del bronzo, accanto a semi di fico e noccioli di dattero risalenti al 5000 a.C., sono stati ritrovati resti di cipolle, ma non è chiaro se esse fossero effettivamente coltivate a quell’epoca. Le testimonianze archeologiche e letterarie suggeriscono che la coltivazione potrebbe aver avuto inizio circa duemila anni dopo, in Egitto, insieme all’aglio e al porro. Sembra che le cipolle e i ravanelli facessero parte della dieta degli operai che costruirono le piramidi.

Le cipolle sono ricche di vitamine e sali minerali. Affettare le cipolle fa lacrimare gli occhi perché dei precursori presenti nel citoplasma, dopo il taglio si combinano con la allinasi, un enzima che viene rilasciato dal vacuolo; la combinazione di questi elementi produce acidi solfenici, piruvato, e ammoniaca. L’acido sulfenico, se attaccato da un secondo enzima detto Fattore-lacrimogeno-sintasi produce una molecola volatile e idrosolubile, che è appunto il fattore lacrimogeno poiché, quando entra in contatto con l’umore acquoso presente sul bulbo oculare, si trasforma in acido solforico. La reazione difensiva, immediata, del nostro corpo sono proprio le lacrime.

Se si vuole evitare  questa lacrimazione eccessiva è consigliato di tagliarle sotto l’acqua, in modo che il fattore lacrimogeno non si diffonda troppo!

Anche nel campo della medicina la cipolla riveste la sua importanza per le sue proprietà diuretiche. È inoltre utilizzata come principio attivo di alcune creme cicatrizzanti; è in grado di diminuire notevolmente lo spessore delle cicatrici provocate dalle smagliature. La cipolla contiene composti solforati (doti antibiotiche) e cromo, che contribuiscono a contenere la glicemia e i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi, a prevenire l’aterosclerosi e le malattie cardiache. Contiene inoltre numerosi flavonoidi, tra cui la quercetina, che sembrano avere effetti anticancerogeni, e composti dotati di proprietà antinfiammatorie.

ILBOCCATV – La vera cucina toscana

Maggiori informazioni:
Produzione: WEUSETV – www.weusetv.com
Sito Web: www.ilboccatv.com
Canale Youtube: ILBOCCATV – Grazie per l’iscrizione!
Facebook: https://www.facebook.com/ilboccatv

Potrebbero interessarti anche...