Ma li ‘onosci gli itinerari poetici del Chionne? Via Guerrazzi

Continua in via Francesco Domenico Guerrazzi il nostro itinerario storico-poetico-toponomastico-letterario attraverso e lungo Vie, Viali, Piazze e Piazzette di Livorno.

via francesco domenico guerrazzi itinerari poetici CliccaLivorno

Scrittore e patriota, Guerrazzi nasce a Livorno nel 1804, per lasciarci poi a Cecina nel 1873. Attivo nel movimento democratico risorgimentale, fu membro del governo rivoluzionario in Toscana (1848-49) e deputato dei Parlamenti subalpino e nazionale (1859-70). Tra le opere di Guerrazzi si ricorda il romanzo La Battaglia di Benevento. Fece di Livorno, con il suo porto aperto alle influenze esterne e alla circolazione delle idee, uno dei più importanti centri di diffusione della Giovine Italia.

Di questo scrittore livornese, vi proponiamo alcune citazioni tratte dalle su numerose opere:

“Agli uomini in generale manca la costanza nei propositi, e ciò fa si che le loro imprese quasi sempre rovinino. Il difetto di costanza si manifesta in due maniere, o col mutare disegno appena scelto o col mancare di coraggio alle prime contrarietà.”

“Come il popolo è l’ asino: utile, paziente e bastonato.”

“I servi per ordinario posseggano l’odorato più sottile dei segugi per distinguere quando una persona è in fiore, quando è matura, e quanto sta per cascare dalla grazia del padrone.”

“È segno non mediocre di amare la patria coltivare la favella materna: le nazioni si distinguono dalla lingua. (dalle Lettere)”

“Gli uomini hanno fatto Dio a similitudine di loro, e lo hanno conciato pel dì delle feste. (da Il buco nel muro).”

“Il matrimonio è il sepolcro dell’amore; però dell’amor pazzo, dell’amore sensuale.”

“L’elemosina anziché sollevare dalle necessità gli accattoni li mantiene nel vizio.”

“La pazienza è cosa dura, e convien meglio alla groppa del somiero, che all’anima dell’uomo.”

“Tutte le arti tutte, ma più specialmente la musica e la poesia, possono stimarsi due lampi balenati da un medesimo sguardo di Dio.”

“L’ingratitudine è la moneta ordinaria con la quale pagano gli uomini.”

“Noi altri Italiani c’innamoriamo in chiesa.”

“Tu devi capire che ogni uomo ha da proporsi un fine nella sua vita, e a quello tendere costantemente, unicamente, se vuole riuscire a qualche cosa.”

Potrebbero interessarti anche...