Noi cugi, spettacolo satirico teatrale al Centro Artistico Il Grattacielo

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 10/12/2016
9:00 pm - 11:00 pm

Luogo
Centro Artistico Il Grattacielo

Categorie


Il Teatro della Cipolla torna a… teatro! E lo fa con un’originale trasposizione teatrale del libro cult “Noi cugi – Come eravamo a Livorno negli anni Ottanta”.

noi-cugi-cliccalivorno

Scritto da Paolo Morelli (con Alessandro Cirinei, Zona Contemporanea, 2014), le cui allegre disamine sono liberamente tratte da una rubrica a puntate pubblicata sul mensile satirico “Il Vernacoliere” prima del Duemila.

Nato da un’idea di Alessio Porquier e Paolo Morelli, lo spettacolo satirico-umoristico “Noi cugi” andrà in scena sabato 10 dicembre alle ore 21:00 presso il Centro Artistico “Il Grattacielo” di via del Platano, a Livorno. Sketch esilaranti sotto le luci della ribalta, proiezioni di video spassosi, musica anni Ottanta: tutto ciò per descrivere i “cugi”, ovvero quei giovani livornesi che, appunto negli anni Ottanta, indossavano il bomber jacket di nylon, calzavano i Camperos Valleverde, impennavano col Bravo Piaggio (elaborato col kit Polini) e andavano in discoteca alla domenica pomeriggio per ballare “Billie Jean” di Michael Jackson. Uno spettacolo poco serio e molto faceto che risucchierà malinconicamente indietro nel tempo non soltanto tutti quei cugi livornesi magari oggi sposati e con figli, ma farà struggere di nostalgia anche i vari quarantenni o cinquantenni “coàtti”, “tamàrri”, “zarri” e “marànza” nati oltre i confini labronici.

Sul palco si avvicenderanno attori talentuosi e dall’inossidabile esperienza come Valentina Lombardi (la Professoressa), Cristina Vannucci (Katiuscia di Collìne), Filippo Scarparo (Iuri la Bestia), Edoardo Colombi Brivio (Nello Monopalla Bicappelluto) e lo stesso Alessio Porquier (nella doppia parte di Zuleika e Johnny Scadùta). Ciro Di Dato si occuperà della direzione tecnica dello show, Porquier di quella organizzativa e Morelli, oltre che autore della trasposizione teatrale, ne firmerà la regia. Previsti dei cammei irresistibili grazie alla partecipazione di Valerio Rolla e del Professor Lamberto Giannini alle riprese dei video. Infine Giannini, come ciliegina sulla torta, supervisionerà l’intera iniziativa.

“Noi cugi” sarà anche un esempio di satira che cerca di profondere impegno civile e solidaristico in senso concreto e non attraverso la sola proiezione dell’ego dell’artista. Infatti lo spettacolo coglierà la palla al balzo – e mai metafora fu più azzeccata – per sensibilizzare il pubblico a proposito del basket in carrozzina di area labronica, il progetto promosso da Maurizio Melis che riunisce in un unico momento sportivo diversi tipi di disabilità motoria e che si propone di far avvicinare livornesi e non a questa spettacolare disciplina, sia dal punto di vista prettamente sportivo, che da quello sociale.

In più sarà devoluto un contributo all’Associazione Don Nesi del quartiere Corea, storica realtà dell’associazionismo labronico.

Selezione musicale ed elaborazione stacchetti a cura di Paolo Morelli.
Responsabile comunicazione web Riccardo Perassi.

Grazie alla collaborazione con la libreria Mondadori di via Magenta, durante lo spettacolo sarà possibile acquistare in loco il libro “Noi cugi – Come eravamo a Livorno negli anni Ottanta” (Zona Contemporanea, 2014).

Escludendo il libro, è d’obbligo sottolineare che l’ideazione, l’organizzazione e la messa in scena dello spettacolo teatrale “Noi cugi” è frutto solo ed esclusivamente dell’ingegno e dell’officina delle persone nominate in precedenza.

Info: ilteatrodellacipolla@gmail.com

Sito web

L’evento su Facebook

Potrebbero interessarti anche...