Ma la ‘onosci Livorno? Terza puntata

Circa alla metà del secolo i fiorentini per aumentare le difese del porto, costruirono la torre che ancora oggi possiamo vedere, cioè la Torre del Marzocco.

Siamo nel 1430 circa, tra i vari avvenimenti legati all’acquisizione di Livorno da parte dei fiorentini, come detto nella puntata precedente, troviamo anche la promulgazione di una legge che, (rispolverando una vecchia legge pisana) è la prima legge fatta per Livorno, con lo scopo di ripopolare il villaggio e invogliare la gente a stabilirsi, in pratica “l’antesignana” delle più famose leggi livornine, che vedranno poi la luce nel 1591.

Torre del Marzocco CliccaLivorno

La Torre del Marzocco

Purtroppo come era già accaduto in passato, nella seconda metà del XV secolo, il popolo livornese è vittima di una delle tante pestilenze che mietono vite umane e distruggono quella “stabilità” economica, raggiunta faticosamente negli anni precedenti.

Dedicherò una pagina alle varie epidemie succedutesi a Livorno nel corso dei secoli.

Gli ultimi 20 anni del XV secolo, sono abbastanza tumultuosi per Livorno, che subisce ancora l’assalto dei genovesi, poi l’occupazione insieme a Pisa di Carlo VIII Re di Francia nel 1494, con la promessa fatta a Pietro dei Medici, di rendere tutto di nuovo a Firenze, dopo la conquista di Napoli.

Carlo VIII di Francia CliccaLivorno

Carlo VIII di Francia – Di sconosciuto (French school) – L’Histoire, Avril Juin 2009, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6632305

I francesi a cose fatte, restituirono ai fiorentini Livorno, rispettando gli accordi, ma il comandante delle truppe francesi, ricevette 12.000 scudi dai Pisani che così si riappropriarono della loro città in barba ai fiorentini.

Di Classical Numismatic Group, Inc. http://www.cngcoins.com, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=655880

Lo scudo – Di Classical Numismatic Group, Inc. http://www.cngcoins.com, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=655880

Rientrati in possesso di Livorno, i fiorentini potenziarono la fortezza, ma i pisani forti dell’alleanza fatta con “la Lega” cioè i genovesi, i veneziani, gli alemanni, nel 1496 strinsero dal mare e dalla terra l’assedio a Livorno, decisi a riappropriarsi del porto perduto.

La strenua difesa del castello, puntigliosamente organizzata dal commissario del governo Andrea di Piero dei Pazzi, che chiamò nel castello molti contadini dei dintorni per aumentare le forze di difesa, unita a un lungo periodo di maltempo e una burrasca con un forte vento di libeccio, misero fuori uso buona parte delle navi che bombardavano il castello, poi una sortita fatta contro gli accampamenti nemici posti al Marzocco che riuscirono a saccheggiare, procurandosi armi, artiglierie e mettendo in pericolo persino la vita dell’Imperatore Massimiliano d’Asburgo.

Stemma dei Pazzi CliccaLivorno

Stemma dei Pazzi – Di ScolopendraJazz – Escudo de los Pazzi, GFDL, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=47493846

Saluti da Acciuga

A lunedì prossimo!


(Tutte le foto sono dei rispettivi proprietari. Per segnalarne lo scorretto utilizzo scrivere ad info@cliccalivorno.it)

Potrebbero interessarti anche...